Home » Estrattori o centrifughe?

Estrattori o centrifughe?

Estrattori e centrifughe non sono la stessa cosa. Hanno, però, la stessa funzione: fare il succo di frutta e verdura. Come funzionano e quale conviene scegliere per ottenere il succo migliore?

Differenza tra estrattore e centrifuga

Vediamo di capire nel dettaglio il loro funzionamento, cercando quindi di rispondere al quesito che tutti si fanno ( estrattori di succo o centrifughe? ). Una volta collegata la spina, il centrifugatore di frutta sminuzza tutto quello che gli hai dato in pasto. Il risultato è che tutte le parti di frutta e verdura vengono usate.

Nell’estrattore di succo, invece, ci si concentra sulla parte succosa degli alimenti. In questo modo, si ottiene la parte più importante e si scarta una buona percentuale di fibre. La centrifuga, invece, non scarta praticamente nulla. Per questo, ha le lame, mentre l’estrattore ha semplicemente una coclea che, posta nel mezzo, va a schiacciare la polpa per ottenere il succo.

Vantaggi nutrizionali

Il succo prodotto cambia? Sì, almeno secondo i valori nutrizionali. La centrifuga utilizza una lama rotante, che fa attrito e produce calore. La centrifuga non fa un solo giro, ma può arrivare fino a 18000 rotazioni al minuto. Il calore non fa altro che riscaldare la polpa mentre si crea il succo. Questo fa perdere dei valori nutrizionali importanti ( vitamine, sali minerali, enzimi, anti-ossidanti, ecc ).

Nell’estrattore a freddo, dove i giri sono veramente pochi rispetto alla centrifuga ( massimo 80 – 100 giri al minuto ), questo non avviene e il succo si presenta con proprietà maggiori. Per questo, gli estrattori di succo  vengono anche detti “a freddo”. La bevanda, al termine della preparazione, non è calda, come avviene con la centrifuga.

Quantità di scarti

estrattore di succo o centrifuga di frutta,come funzionanoCome abbiamo detto, gli scarti sono minori nella centrifuga. Per fortuna, questa è anche più facile da pulire. Essendoci due contenitori, il coperchio e la lama, la centrifuga ha una struttura più semplice, quindi si smonta in meno tempo.

L’estrattore di succo a freddo, invece,  gli scarti sono maggiori ( puoi utilizzarli per altre ricette ) e ha bisogno di più attenzioni per essere smontato e montato. In compenso, può essere usato anche per le verdure molto fibrose che non producono moltissimo succo.

Come conservare i succhi freschi

Visto che il succo non ha conservanti, purtroppo non si può mantenere a lungo, anche se lo metti in frigorifero. L’unica soluzione è berlo subito, come esce dall’elettrodomestico, oppure metterlo in frigorifero per poterlo gustare entro 12 – 24 ore. Quindi, se hai parenti o amici a tavola, ti conviene preparare il succo da servire un quarto d’ora prima dell’arrivo dei commensali.

Prezzi di centrifughe ed estrattori a freddo

Estrattori e centrifughe non hanno lo stesso prezzo. Per questo, è importante valutare bene l’acquisto. In media l’estrattore di succo a freddo costa di più rispetto alla centrifuga. Di solito, questi piccoli elettrodomestici sono a basso consumo, quindi il risparmio in bolletta è garantito.

Soprattutto per gli elettrodomestici che si usano ogni tanto, non ci sono sprechi. I prezzi medi dipendono dai singoli marchi. Le centrifughe di frutta hanno un prezzo medio di 40 -100 euro, gli estrattori economici costano intorno agli 80 – 100 euro, 120 – 250 euro i modelli di fascia media e fino ai 500 – 600 euro gli estrattori professionali .

Consigli utili

Scegli la centrifuga se  vuoi risparmiare. Puoi usare, invece, l’estrattore se bevi succhi con frequenza e vuoi ottenere il massimo in termini nutrizionali. Non ti resta che scegliere l’elettrodomestico migliore per il tuo succo!

Se sei ancora indeciso tra estrattore di succo e centrifuga non esitare a contattarci, cercheremo di aiutarti rispondendo alle tue domande.


Estrattori o centrifughe?
Vota